Spese di spedizione gratuite da 25€ - Per i soci Coop o possessori di tessera fedeltà Librerie.coop gratuite a partire da 19€
epub
Rinascere antichi - Librerie.coop

Rinascere antichi

Protezione:   

Social DRM

€ 8,99
Dettagli
FORMATO epub
EDITORE Annalisa Avon
EAN 9788822860668
ANNO PUBBLICAZIONE 2017
CATEGORIA Architettura e urbanistica
LINGUA ita
Dispositivi supportati
Computer
E-Readers
iPhone/iPad
Androids
Kindle
Kobo

Descrizione


Il libro è il risultato di una ricerca durata all’incirca vent’anni, condotta in  Francia, Italia, Stati Uniti e Canada (Montréal), in archivi e biblioteche. Come suggerito dal titolo, il libro tratta delle relazioni che, in merito all’architettura, ebbero luogo tra Italia e Francia nel corso del Seicento. Per la pittura o per la scultura, il tema non è nuovo. Per l’architettura, al contrario, il soggetto di ricerca è originale, poiché scambi, influssi e imprestiti reciproci hanno sempre occupato al massimo qualche pagina delle storie dell’architettura o delle monografie sugli architetti francesi. Il libro non pretende di dare al problema una trattazione sistematica, e si concentra su alcuni episodi ritenuti rilevanti: si tratti della polemica sorta intorno alla costruzione di un edificio, dell’inventario della biblioteca di un architetto, dell’edizione e della fortuna di un trattato, della carriera di qualche italiano in Francia e di qualche francese a Roma (non tutti architetti, questi ultimi, ma personaggi chiave nel dipanarsi del libro). Ricorrono i nomi di Jacques Le Mercier, Etienne Martellange, Roland Fréart de Chambray e Paul Fréart de Chantelou, François Sublet des Noyers, Charles Errard e, non ultimo, di Antonio Barberini, il cardinale nipote di Urbano VIII, coinvolto in un affaire architettonico durante la sua lunga, anche se discontinua, presenza a Parigi. Inediti documenti d’archivio e nuove interpretazioni di quanto già noto riportano l’attenzione agli anni che precedono la soluzione istituzionale del voyage d’Italie e la fondazione dell’Accademia di Francia a Roma, sul finire del Seicento, indi la definizione della grandeur e le declinazioni tutte nazionali, francesi, del linguaggio classico dell’architettura.

 
Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.