epub
Non siamo mai stati qui - Librerie.coop

Non siamo mai stati qui

Protezione:   

Social DRM

€ 9,99
Dettagli
FORMATO epub
EDITORE DeA Planeta
EAN 9788851175191
ANNO PUBBLICAZIONE 2019
CATEGORIA Letteratura
Narrativa Rosa
LINGUA ita
Dispositivi supportati
Computer
E-Readers
iPhone/iPad
Androids
Kindle
Kobo

Descrizione

Mosca, 1949. È notte fonda quando Olga Ivinskaja viene prelevata dall’angusta cel - la che divide con altre prigioniere. Quello che gli uomini in nero vogliono sapere – e che Olga rifiuta ostinatamente di confessare – è se davvero il grande Pasternak stia lavorando a un’opera sovversiva in grado di gettare cattiva luce sul regime sovietico. Ma invece di mettere nero su bianco le informazioni che l’interrogatore prova a estorcerle, Irina impugna la penna per raccontare la sua storia. La storia di un amore proibito più tenace persino della prigionia. E di un romanzo, Il dottor Živago, più forte di ogni censura. A Washington, intanto, presso la sede centrale della CIA, la giovane Irina viene arruolata come dattilografa e presto promossa al ruolo di spia. In piena Guerra Fredda, tra i suoi obiettivi c’è quello, delicatissimo, di aggirare il bando che vieta la pubblicazione di Živago in Unione Sovietica, e risvegliare la sete di libertà della popolazione sfruttando l’arma più micidiale e sottovalutata che esista: il potere delle parole. Epico, appassionato e più attuale che mai, Non siamo mai stati qui è il racconto a più voci di un’epoca travagliata e di una formidabile avventura umana, sentimentale e letteraria. Un vibrante omaggio a un tempo in cui “credevamo che i libri potessero cambiare la Storia”. «Un trionfo.» - The New York Times «Mad Men incontra John Le Carré in un avvincente affresco ispirato a fatti reali.» - Entertainment Weekly «Incantevole.» - Vogue «Un’indimenticabile storia di spie, amori proibiti e letteratura.» - Publishers Weekly «Un'opera curiosa e stimolante.» - Bruna Magi, Libero «Un romanzo epico.» - Il piccolo «Un esordio narrativo da favola. […] Una cosa è certa: Lara Prescott sa scrivere.» - Enrico Franceschini, il venerdì di Repubblica
Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.