Spese di spedizione gratuite da 25€ - Per i soci Coop o possessori di tessera fedeltà Librerie.coop gratuite a partire da 19€
pdf
Contro il razzismo - Librerie.coop

Contro il razzismo

Protezione:   

Social DRM

€ 0,00
Dettagli
FORMATO pdf
EDITORE EDUCATT
EAN 9788867805747
ANNO PUBBLICAZIONE 2014
CATEGORIA Diritto
LINGUA ita
Dispositivi supportati
Computer
E-Readers
iPhone/iPad
Androids
Kindle
Kobo

Descrizione

Separare. ghettizzare, eliminare. Questi tre terribili momenti sono i chiari indicatori, anche dove vengano usati eufemismi ipocriti, di comportamenti assolutamente razzisti. La paura della diversità, che è incapacità di accettare il fatto che la vita possa essere costruita, dai singoli e dai popoli, nella comunanza degli obiettivi ma con modi e valori differenti, genera mostri, è il più deleterio sonno della ragione. Ne sanno qualcosa gli omosessuali, discriminati e infamati ancora oggi nei modi più pesanti e antidemocratici, ma anche i pacifisti, gli ecologisti, gli animalisti, i vegetariani, e tutti coloro che operano con un’ottica di rispetto per un uso moderato e sostenibile delle risorse del pianeta. Possedere danaro, esercitare potere su tutto e tutti con facilità ecco in sintesi individuato il motore perverso che ha diviso (si pensi alla istituzione della schiavitù, ai regimi coloniali, al massacro di popolazioni indigene passato sotto la definizione di Conquista delle Americhe) e divide l’umanità in settori, che fa graduatorie dal meno al più, che include o esclude, che nutre il disprezzo e l’odio. Se è difficile oggi definire il preciso “territorio” del razzismo, perché una definizione ristretta escluderebbe tante forme di sopraffazione basate sulla discriminazione in atto sotto i nostri occhi, è certo che richiamando i tre momenti citati sopra, separazione, ghettizzazione, eliminazione (fisica o della dignità dell’individuo e della libertà del pensiero) potremo sempre riconoscerlo. Una facile verifica: abbiamo tutti presente come i Rom siano sempre stati separati dagli altri cittadini (e la maggior parte dei Rom ha la cittadinanza italiana), siano stati rinchiusi in campi/ghetto/prigione, siano stati eliminati come interlocutori e fisicamente come presenza sul territorio (è recente l’esempio della brutale espulsione dalla Francia).
Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.