Storie tra le nuvole

L'attenzione per i fumetti e graphic novel in italia è sempre maggiore, e così sono sempre di più le novità all'interno delle nostre librerie, a testimonianza di un mercato sempre più importante.

Cogliendo l'occasione della fiera Lucca Comics & Games, a Lucca dal 30 ottobre al 3 novembre 2019, proponiamo un percorso per scoprire i vincitori del Premio Gran Guinigi, gli Oscar italiani del fumetto, che Lucca Comics assegna alle migliori produzioni italiane. Ma non solo, oltre ai fumetti e ai graphic novel premiati dalla critica, segnaliamo le nostre novità preferite uscite durante il 2019, e i volumi pubblicati negli ultimi anni che trattano tematiche ancora attuali, o che sono semplicemente da riscoprire.

Sono convinto che i fumetti non debbano solo far ridere. Per questo nelle mie storie trovate lacrime, rabbia, odio, dolore e finali non sempre lieti.
Osamu Tezuka

PREMIO GRAN GUINIGI

MIGLIOR GRAPHIC NOVEL

Motivazione: Per il coraggio dell’autrice nel denunciare la violenza sessuale attraverso un romanzo grafico che è al tempo stesso pura cronaca e delirio visionario. Ma anche per la forza di un disegno accuratissimo e freddo unito a una scrittura che non ricerca effetto o semplificazioni. Un contributo importante su un tema difficile, scomodo e purtroppo attualissimo.

MIGLIOR ESORDIENTE

Motivazione: Perché ognuna a suo modo racconta attraverso le proprie esperienze la contemporaneità senza infingimenti, retorica, recriminazioni: romanzi di formazione attraverso sesso, dolori, amori, disegni, pensieri, vita. 

MIGLIOR FUMETTO PER GIOVANI LETTORI

Motivazione: Il modo per raccontare ai più giovani (ma non solo) il mondo che li circonda attraverso le storie di chi fugge dal proprio paese alla ricerca di dignità e salvezza.

MIGLIOR FUMETTO O BREVE RACCOLTA

Motivazione: Perché ogni pagina è una sorpresa: si racconta di persone, perlopiù donne, immerse in una vita quotidiana in cui possono succedere cose strane. Un realismo magico delicato e irrisolto tra disegni cangianti, animali e piante. Una continua sfida che lascia a bocca aperta.

MIGLIOR SCENEGGIATORE

Motivazione: Un personaggio femminile al di là di ogni stereotipo e una trama noir con tanto di finale che piacerebbe molto a Tarantino: l’autore è una promessa. 

MIGLIOR AUTORE UNICO

Motivazione: Per la ricostruzione storica imponente e curatissima la cui stesura ha impiegato oltre vent’anni, ma che suona così contemporanea da renderla ancora più inquietante.

MIGLIOR SERIE

Motivazione: Gli Orchi-Dei sono le stirpi reali che governano il mondo, mangiano carne umana e sfruttano gli uomini come servi: metafora intrigante e disegno perfetto. Al contrario il disegno di Shiga è semplice e fastidioso, la sceneggiatura avvincente in un rutilante continuum di enigmi, sfide al lettori, soluzioni assurde.

OSPITE D'ONORE A LUCCA COMICS: HIROHIKO ARAKI

LE NOVITÀ DEL 2019

I CONSIGLI DEI LIBRAI