epub
Effetto serra, effetto guerra - Librerie.coop

Effetto serra, effetto guerra

Protezione:   

Adobe DRM

€ 9,99
Dettagli
FORMATO epub
EDITORE Chiarelettere
EAN 9788861909878
ANNO PUBBLICAZIONE 2017
CATEGORIA Scienze
Ambiente e scienze della terra
LINGUA ita
Dispositivi supportati
Computer
E-Readers
iPhone/iPad
Androids
Kindle
Kobo

Descrizione

Il riscaldamento globale, i ricchi, i poveri

«Questo libro non poteva uscire in un momento più adatto.»
«Le Scienze»
 
«Una delle conseguenze più preoccupanti dei cambiamenti climatici, combinati con il degrado dell’ambiente, sarà l’inasprirsi della conflittualità globale. Un potenziale “collasso sistemico”, di cui parlano Grammenos Mastrojeni e Antonello Pasini.»
Luca Mercalli, «La Stampa»
 
«Dal punto di vista della ricerca scientifica i risultati recentissimi confermano e rafforzano le analisi condotte in questo libro e mostrano ancor più chiaramente la gravità dei problemi cui ci troviamo di fronte.»
Dalla nuova introduzione degli autori
 
Continue ondate migratorie aprono scenari a cui non eravamo preparati, e paiono il preludio a esodi di interi popoli. Le aree dove questi sommovimenti si originano hanno tutte qualcosa in comune: il clima che cambia, il deserto che avanza e che sottrae terreno alle colture mettendo in ginocchio le economie locali. «A tre anni dalla prima edizione di questo libro» osservano gli autori nella nuova introduzione «è per noi una magra consolazione trovare conferma delle dinamiche preoccupanti su cui avevamo cercato di attirare l’attenzione.»
Il cambiamento climatico contribuisce al disagio e all’aumento della povertà di intere popolazioni, esposte più facilmente ai richiami del terrorismo e del fanatismo. In tutto questo, l’Italia è in prima linea: lo sanno bene a Lampedusa. Un climatologo e un diplomatico – così lontani, così vicini – hanno preso la penna giungendo alle stesse conclusioni: se abbandoniamo i più poveri al loro destino non solo facciamo finta di non capire ciò che ci insegnano la moderna scienza del clima e l’analisi geopolitica – che siamo tutti sulla stessa barca e che i problemi sono interconnessi e hanno una dinamica globale –, ma lasciamo crescere un bubbone di conflittualità che prima o poi raggiungerà anche noi; i primi migranti del clima lo sanno bene.
Prendere coscienza dei rischi di un clima impazzito può favorire un’operazione di pace, integrazione e giustizia di portata inedita.
 


Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.