Spese di spedizione gratuite per acquisti di almeno 25 €
pdf
Croce e identità cristiana di Dio nei primi secoli - Librerie.coop

Croce e identità cristiana di Dio nei primi secoli

di
Protezione:   

Social DRM

€ 9,99
Dettagli
FORMATO pdf
EDITORE Edizioni OCD
EAN 9788872299258
ANNO PUBBLICAZIONE 2021
CATEGORIA Religioni
LINGUA ita
Dispositivi supportati
Computer
E-Readers
iPhone/iPad
Androids
Kindle
Kobo

Descrizione

Il seminario patristico si pone in continuità con gli altri eventi scientifici e formativi organizzati dalla Cattedra Gloria Crucis. 1In questo volume, i relatori ci porteranno tutti, idealmente, all’inizio del- l’era cristiana nel tentativo di rispondere ad alcuni quesiti fondamentali: in che modo i Padri della Chiesa dei primi secoli, hanno compreso e presentato la Croce di Cristo al mondo giudaico e pagano? Quale identità e natura di Dio traspaiono dagli scritti dei Padri? In questo nostro mondo secolarizzato e sedotto dall’immanenza, le luci che emergeranno dalle fonti patristiche ci aiuteranno a cogliere i segnali di un’insistente apertura sul trascendente.Comprendere e presentare la Croce come segno della religione cristiana non è stato di buon gusto all’inizio della diffusione del cristianesimo e non lo è neppure oggi. A un pagano di epoca neotestamentaria l’annuncio di un Dio che manda suo Figlio a morire sulla croce, e che questi era lui stesso Dio, doveva apparire paradossalmente e oltremodo blasfemo. Una superstizione tenebrosa e folle che poneva il Dio cristiano in una luce sinistra.Non possiamo passare con superficialità su questa e altre difficoltà che giudei e pagani anche ben intenzionati e sinceramente amanti di Dio sperimentarono dinanzi all’annuncio cristiano. Non sarebbe onesto guardare la storia di duemila anni soltanto nella prospettiva di un cristianesimo che si impone, prevale e vince. Occorre ascoltare anche le voci dei perdenti, le loro ragioni, la loro parte di verità. Sarebbe una semplificazione estremamente superficiale ritenere, ad esempio, che il rifiuto di Cristo e del suo messaggio sia sempre espressione d’empietà e di odio. La fine infamante e scandalosa del Rabbì della Galilea richiese uno sforzo interpretativo per rileggere teologicamente la sconvolgente e fallimentare brutalità della crocifissione come significativo evento della rivelazione.
Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.