Spese di spedizione gratuite da 25€ - Per i soci Coop o possessori di tessera fedeltà Librerie.coop gratuite a partire da 19€
pdf
TOMO I: Euripide - Ifigenia in Aulide - TOMO II: Ifigenia la vittima innocente della Storia - Librerie.coop

TOMO I: Euripide - Ifigenia in Aulide - TOMO II: Ifigenia la vittima innocente della Storia

Protezione:   

Adobe DRM

€ 13,90
Dettagli
FORMATO pdf
EDITORE Simone per la scuola
EAN 9788891491688
ANNO PUBBLICAZIONE 2021
CATEGORIA Pedagogia e discipline educative
LINGUA ita
Dispositivi supportati
Computer
E-Readers
iPhone/iPad
Androids
Kindle
Kobo

Descrizione

Chi è Ifigenia? Che cosa rappresentano ancora per noi questa figura e la vicenda del suo sacrificio in Aulide, a cui essa è indissolubilmente legata? È la fragile fanciulla, trasportata a viva forza, tutta tremante, sull’altare, per essere immolata come vittima innocente a una divinità crudele; è la virago, che si assume con responsabilità ed eroismo il compito di sacrificare la propria esistenza per il “bene comune”. Euripide, attraverso quella “metabolé”, quel mutamento improvviso di comportamento tanto criticato da Aristotele, ha voluto riunire nel suo personaggio le due facce e le due immagini con cui può presentarsi il tema del sacrificio. Ma sia l’una sia l’altra mettono a nudo l’atrocità della guerra che lo richiede, di quella spedizione contro Troia che diviene simbolo di tutte le guerre, e fa del sacrificio di Ifigenia la primizia di quello di tanti altri innocenti che saranno immolati sull’altare della presunta gloria e della vittoria. Chi è Ifigenia? Che cosa rappresentano ancora per noi questa figura e la vicenda del suo sacrificio in Aulide, a cui essa è indissolubilmente legata? È la fragile fanciulla, trasportata a viva forza, tutta tremante, sull’altare, per essere immolata come vittima innocente a una divinità crudele; è la virago, che si assume con responsabilità ed eroismo il compito di sacrificare la propria esistenza per il “bene comune”. Euripide, attraverso quella “metabolé”, quel mutamento improvviso di comportamento tanto criticato da Aristotele, ha voluto riunire nel suo personaggio le due facce e le due immagini con cui può presentarsi il tema del sacrificio. Ma sia l’una sia l’altra mettono a nudo l’atrocità della guerra che lo richiede, di quella spedizione contro Troia che diviene simbolo di tutte le guerre, e fa del sacrificio di Ifigenia la primizia di quello di tanti altri innocenti che saranno immolati sull’altare della presunta gloria e della vittoria.
Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.