I Certosini, i Morosini e il Patriarcato di Venezia. Tra il XV e il XIX secolo nel territorio di gronda - Librerie.coop

I Certosini, i Morosini e il Patriarcato di Venezia. Tra il XV e il XIX secolo nel territorio di gronda

€ 15,00
Dettagli
FORMATO Brossura
EDITORE Quaderni di Terra Antica
EAN 9788894351002
ANNO PUBBLICAZIONE 2018
CATEGORIA Storia
LINGUA ita

Descrizione

I Frati Certosini arrivarono a Venezia da Firenze nel 1422 e, dopo qualche anno, ricevettero per testamento da Nicolò Cornaro, la Possessione di Tombello, dove insediarono una Grangia. Anche a Terzo di Tessera avevano delle proprietà ricevute dai Quercini. La famiglia Morosini possedeva molte terre in San Martino di Campalto e nel 1503, Lorenzo Morosini supplicò di poter riedificare la chiesa col suo campanile e cimitero, sulle rovine dell'antica chiesa. Caduti in gravi difficoltà finanziarie, gli ultimi eredi dovettero rinunziare al Giuspatronato nel 1889. Nella località di Tessera e Paliaga vaste estensioni di terreno erano di "ragione" dell'abbazia di San Cipriano di Murano. Nel 1587 i beni dell'abbazia furono uniti alla Mensa Patriarcale di Venezia. Quelle Possessioni si estendevano da Campalton sino alle foci del Dese, con vaste aree boschive e paludose e per larga parte date in affitto per essere coltivate. Nel 1507 la Serenissima decise di deviare il Marzenego scavando il canale Osellino. Questa nuova "chavation" attraversò i possedimenti dei Certosini, dei Morosini e della Mensa Patriarcale, determinando importanti conseguenze ambientali.
Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.